Le site officiel du Chuong Quan Khi Dao Le site officiel du Chuong Quan Khi Dao  
Présentation | Techniques | Grades | Manifestations | Nos clubs | Interview | Livre d'Or | Forum | Liens | Contact 
 
Chaque mois, une interview d'une personne active du Chuong Quan Khi DaoChaque mois, une interview d'une personne active du Chuong Quan Khi Dao

 

 

 

 
  ARCHIVES : cliquez ici.

Questo articolo è stato proposto da Vivien Frappier, cintura nera 1a dang club Qwan Ki Do Nizza.
Un grande ringraziamento a lei.

Un grande ringraziamento a Jessica per la traduzione in italiano.


Version française Versione italiana

Dicembre 2008

Gianandréa BUNGARO


Grado : 4ème Dang
Nel 1990 diventa responsabile tecnico della regione Trentino Alto Adige
Allentore della squadra nazionale italiana di cinture nere combattimento
Insegna dal 1986 al ginnasio dojo ko sen a Milano
Diplomato in scienze motorie, e dopo parecchi anni di attività come giornalista sportivo, Gianandrea lavora attualmente per il Comune di Milano in qualità di educatore per le persone handicappate.



Gianandréa Bungaro


   In Italia il Qwan Ki Do (QKD) è in piena effervescenza. Recentemente un cambiamento è intervenuto e un uomo ne è il grande artefice.

Gianandrea Bungaro pratica la disciplina a partire dalla sua crezione nel 1981 e ha deciso, insieme ad altri due praticanti veterani, di realizzare due progetti che gli stanno a cuore:
- Il primo consiste nell'aderire alla scuola Chuong Quan Khi Dao (CQKD) per potere praticare in condizioni meno onerose e in un'atmosfera impregnata di storia reale e non di miti inventati di sana pianta, dove si possa ottenere una risposta a certe domande finora considerate tabù o censurate.
- Il secondo tratta della creazione di un'associazione che raggruppa diversi stili di arti marziali vietnamite, al fine di incoraggiare et favorire gli scambi.

 
   La vicenda ci ricorda i movimenti che hanno sconvolto il QKD Francese nel 1995. La situatione non è identica ma molto somigliante in alcuni punti essenziali.

L'Unione Italiana ha circa 2000 praticanti, tra i quali un centinaio di cinture nere.

Il QKD è più sviluppato nel nord che nel sud dell'Italia.

Anche le armi fanno parte della disciplina, ma solamente coloro che hanno partecipato agli stages del Maestro Tong sono autorizzati al loro uso.

     Il Qwan ki do arriva in Italia nel settembre 1981.
Tre mesi prima il Maestro Tong creava la Federazione Francese di QKD.

Roberto Vismara fu nominato all'epoca direttore tecnico nazionale dell'Unione Italiana di QKD.

Attualmente troppi dissaccordi sussistono tra i dirigenti del QKD Italiano ed alcuni clubs che hanno come conseguenza deciso di lasciare l'UIQKD per aderire alla scuola Chuong Quan Khi Dao.

Riassumendo, i fatti non hanno nulla di sorprendente, dato che la maggior parte dei problemi dei clubs italiani sono identici a quelli che hanno provocato l'esplosione della Federazione Francese di QKD nel 1995 e alla creazione della scuola CQKD.

 
   Attualmente Gianandréa Bungaro si oppone al suo amico dei primi tempi, Roberto Vismara, e decide di creare insieme ad altri esperti l'associazione "Vo Vietnam (Unione Italiana Arti Marziali Vietnamite)".

Dichiara Gianandrea : "Al mio fianco sono presenti Franco Oriot (4° dang QKD) e Marco Mastrulli (5° dang Vo Vi Nam).

Il nostro obiettivo è di reunire sotto la stessa associazione le scuole vietnamite decise a lavorare come entità, con una squadra tecnica et non più un solo maestro"
.

Queste persone desiderano fare conoscere ai loro soci e ai praticanti le diverse discipline vietnamite.

L'apertura è necessaria.

 
   Da giovane Gianandrea era un buon combattente e con il passare il tempo ha cominciato ad "apprezzare il gusto infinito dei Quyen".

Purtroppo attualmente altre considerazioni diventano più importanti che la pratica stessa: "In Italia, dal 1981 il Qwan Ki do è stato associato ad un sinonimo di tradizione.

Tale è il messaggio che la federazione voleva trasmettere.

Il vero significato e concetto di "tradizione" non è mai stato spiegato dalla federazione , ma questo mito ha voluto comunque essere creato per questioni di comodità.

Per 'tradizione' essa intendeva soprattutto il concetto di disciplina : portare il borsone del DTN, cominciare a mangiare solamente dopo di lui e molte altre cose nello stile"
.

Per questo motivo Gianandrea, insieme a Franco Oriot, Aldo Dell'aquila e Enrico Calore (tutti praticanti di QKD da più di 20 anni), ha deciso di creare un'associazione che ponga l'interesse del praticante al centro e davanti ad ogni altra cosa.

     "Non si dovrebbe pagare per ogni cosa.
Il praticante dovrebbe avere delle facilitazioni per acquistare un vo phuc, senza pagarlo delle cifre esorbitanti.
L'associazione sportiva di volontari che abbiamo creato rispetta le leggi italiane et pubblicherà i suoi bilanci finanziari.
Una struttura leggera e senza troppe costrizioni ammministrative.

Non ho avuto alcun dubbio a proposito del nostro nuovo percorso ; mi sono fidato da subito dell'esperienza di Marc Martin e della limpidezza dell' organizzazione della scuola Chuong Quan Khi Dao"
.

L'approccio, gli obiettivi e lo spirito della scuola Chuong Quan Khi Dao, diretta da una squadra tecnica collegiale (Marc MARTIN, Jacques TADEUSZAK, ...), hanno quindi sedotto Gianandrea.

 

   La volontà di ritornare alla fonte è forte.

Per questo motivo Gianandrea si è alleato al CQKD, per potere ritrovare le origini del Qwan ki do, perché il momento per la cultura e il ritorno alle tradizioni sembra essere arrivato:

"Ci siamo concentrati troppo sulla pratica e non abbastanza sulla cultura per quanto attiene quest'arte marziale.

Siamo cresciuti senza conoscere la sorgente dei nostri Quyen, la nostra terminologia.

Insomma, ignari, o quasi, sulle vere origini del Qwan Ki Do.

Molta pratica ma poche interrogazioni."


Ora alcune domande imbarazzano.

     Gianandrea fornisce una definizione semplice del Qwan ki do :

"si tratta di un arte marziale sino-vietnamita che deve la sua creazione alla codificazione ed alla creatività del Maestro Tong, malgrado molti lati restino oscuri".

"Oggi voglio quindi comprendere l'essenza stessa della nostra arte marziale e penso che Marc Martin ci fornirà molte risposte grazie alle informazioni che egli raccoglie sulle origini del Qwan Ki Do."

     Il Quan khi do italiano non sarebbe quindi abbastanza attaccato alle proprie origini e Gianandrea desidera infatti creare un'associazione " democratica ", perché l'Unione Italiana è diventata per i praticanti un'associazione che ha lasciato le persone e i problemi in un angolo:

"Che si possa vivere l'arte marziale in modo tradizionale! Senza dovere preoccuparsi continuamente degli aspetti burocratici ed amministrativi".

Quasta è la filosofia trasmessa dalla scuola CQKD.

     Da settembre 2008, esistono dunque due Qwan khi dao in Italia : quello di Roberto Vismara (direttore tecnico nazionale dell'Unione Italiana di Qwan Ki Do), riconosciuto direttamente da un organismo per la promozione dello sport ed indirettamente dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI) ; e quello di Gianandrea Bungaro (responsabile della scuola Chuong Quan Khi Dao in Italia), aderente al progetto Vo Vietnam che entrerà nell'Unione Italiana dello Sport per Tutti.

L'Italia ha sempre rappresentato una nazione nella quale il Qwan Ki Do ha trovato un'eco eccellente e non sarebbe una sorpresa che lo stesso avvenga per l'avventura Chuong Quan Khi Dao.

     In settembre a Milano un primo incontro tra le CN Italiane, Jacques Tadeuszak e Marc Martin ha avuto luogo.

Per quanto attiene le manifestazioni invece, qualche data chiave si è resa necessaria:

"Marc ha diretto recentemente uno stage in Italia con più di 60 praticanti.

L'evento ha rappresentato in un certo senso il suo battesimo italiano ed un buon inizio, soprattutto perché Marc potrà contare su di noi il 20 dicembre per la coppa internazionale della scuola Chuong Quan Khi Dao che si terrà a la Seyne-Sur-Mer".



Il progetto è chiaro e le persone sono motivate: "Desideriamo ritornare alle origini del Quan Khi dao, arte marziale fantastica ".

Alcuni link :
http://www.vovietnam.it/home.html
http://www.vovietnam.splinder.com/archive/2008-09
http://www.vovietnam.it/chuong_quan_khi_dao.html


ARCHIVES :   Interview Janvier-Mars 2005, Michelle Apat-Funès
    Interview Juin-Juillet 2004, Patrick Bourhy
    Interview Mars-Avril-Mai 2004, Robert Gramondi
    Interview Janvier-Février 2004, Yves Simonet
    Interview Novembre-Décembre 2003, Céline Andréoli
    Interview Mai-Juin 2003, Zoran Jevtic
    Interview Mars-Avril 2003, Sébastien Crighton
    Interview Février-Mars 2003, Jean-Robert Monier

haut ^
menu : Présentation | Techniques | Grades | Manifestations | Liste des clubs | Interview | Livre d'Or | Forum | Contact
Le site officiel du Chuong Quan Khi Dao
Design by macintroll®©